Ambito di Policy: Sanità, Welfare \ Strumento di Policy: Assistenza, Consulenza

Come ridurre le gravidanze non desiderate tra le adolescenti?

Nonostante la scarsa incidenza del fenomeno, tutti i paesi sviluppati guardano con attenzione alle gravidanze in adolescenza. Esse sono associate a rischi di rilievo durante il parto, ma non solo: la scarsa maturità e indipendenza della madre e le limitazioni precoci alla possibilità di studiare e iniziare un lavoro  espongono al rischio dia vere problemi di natura psicologica ed economica. I rischi aumentano ulteriormente nel caso di gravidanze ripetute. Un pool di cliniche dell’Ohio sperimenta un intervento centrato sulle interviste motivanti e su un accesso facilitato agli anticoncezionali per evitare ulteriori gravidanze alle neomamme adolescenti. Una valutazione dell’intervento suggerisce che esso aumenti notevolmente il livello di attenzione delle partecipanti e riduca altrettanto il rischio di una nuova gravidanza a breve distanza dalla precedente.

Stevens J., Lutz R., Osuagwu N., Rotz D., Goesling B. (2017), A randomized trial of motivational interviewing and facilitated contraceptive access to prevent rapid repeat pregnancy among adolescent mothers, American Journal of Obstetrics and Gynecology, 217(4

ObiettivoAspetti principaliRisultati
- Ridurre il numero di gravidanze adolescenziali, in particolare di gravidanze ripetute- Target: adolescenti prossime al parto o appena diventate madri
- Offerta di servizi: colloqui motivazionali e accesso facilitato agli anticoncezionali
- Durata: 18 mesi
- Aumento sensibile dell’uso di precauzioni nei rapporti sessuali
- Dimezzamento delle gravidanze e dei parti tra le adolescenti
Parole chiave: gravidanze, adolescenti, servizi, anticoncezionali, valutazione sperimentale, gruppo di controllo